Telefono
[+39] 373 7796983
e-Mail
info@360consultingcs.it

I software di compressione permettono di limitare le dimensioni di un file in modo considerevole, riducendo la quantità di bit necessaria alla rappresentazione digitale di un’informazione e richiedendo minor spazio nei supporti di memorizzazione. Questo processo, nonostante ormai i nostri dispositivi di archiviazione consentano di immagazzinare un numero enorme di file, risulta essenziale ad esempio nel caso in cui volessimo inoltrare allegati e-mail, condividere i file su una piattaforma web o spostarli in una pennetta. 
Ma come funziona la compressione? Informazioni ridondanti o superflui sono presenti in qualsiasi tipologia di file: su questi elementi lavorano gli algoritmi di compressione.

Comparazione software di compressione: punti di forza e debolezza - immagine 1

Esistono due tipologie di algoritmi di compressione: Lossy e Lossless.

Nella compressione di tipo Lossy viene sfruttata la ridondanza della codifica del dato, effettuando una compressione con perdita dell’integrità del file (quindi di una perdita di informazioni).

Segui su SWZONE.IT