Telefono
[+39] 373 7796983
e-Mail
info@360consultingcs.it

Vogliamo cambiare il nostro attuale Sistema Operativo (d’ora in poi SO o OS), ma prima di passare “dalla padella alla brace”, vogliamo testare la nuova soluzione. Questa necessità è dovuta non solo alla nostra curiosità, ma dalla necessita di usare un’applicazione che non gira sul nostro SO, e magari non vogliamo fare delle prove che potrebbero comprometterne la stabilità.

Oracle VM VirtualBox e la virtualizzazione ha inizio - immagine 1

 

Fino a qualche anno fa, installare più SO sulla propria macchina, voleva dire dedicare a ogni SO una partizione sull’hard disk. Questa procedura era lunga, ci costringeva a reinstallare tutto da zero, eseguendo in primis il backup dei dati con tutte le sue potenziali problematiche (per il backup leggere link iperiusbackup). Successivamente bisognava usare dei tools dedicati alla gestione delle partizioni e al loro ridimensionamento, e infine dopo aver creato le varie partizioni, c’era bisogno di un software multiboot a monte (o dopo l’installazione del primo SO) per gestire all‘avvio del computer quale SO si voleva avviare. Infine si installavano i vari OS interessati.

 

Oggi esistono i sistemi Live che ci consentono di provare il sistema operativo avviandolo direttamente da cd senza la necessità di installarlo. Sono utili e perfettamente funzionanti, ma non si avviano su tutte le macchine e necessitano quasi sempre di macchine potenti dotate di molta ram, se si vuole che funzionino al meglio. Inoltre non esistono i Cd-Live di tutti i SO.

 

Ma se vogliamo provare una versione di Linux e nello stesso tempo abbiamo degli applicativi sul nostro attuale sistema che dobbiamo monitorare costantemente, che possiamo fare? Entrano in campo le macchine Virtuali.

 

Leggi su SwZone

Su di me

Sono Fabio Ferraro, appassionato del mondo digitale, del quale esploro tutte le potenzialità, sperimentando varie soluzioni e studiandone l'evoluzione.

Social